Torna a tutti gli articoli
Startup vitamins
Guida per principianti

Quanto costa aprire un negozio online con il print on demand

Di , Tempo di lettura: 9 minuti

Una delle sfide a cui non si è preparati quando si avvia un negozio online di print on demand è la gestione finanziaria. Per questo, ho deciso di venirti incontro fornendoti una panoramica del bilancio di uno store reale e che gestisco personalmente, Startup Vitamins. Svelerò alcuni degli strumenti che utilizziamo per gestire in maniera efficace le nostre risorse economiche e inoltre ti mostrerò: 

  • come categorizziamo i costi dei prodotti print on demand
  • come calcoliamo l’utile netto
  • la ricerca del punto di pareggio (o break-even point)
  • come calcoliamo aspettative di profitto realistiche
  • così come tutte le nostre entrate, spese e ricavi di un mese intero. 

In pratica, impareremo a prendere decisioni aziendali consapevoli e a stabilire previsioni realistiche.

Cos’è Startup Vitamins?

Prima di arrivare al nocciolo della questione, esaminiamo il nostro modello di business e la storia di Startup Vitamins per avere un quadro completo di ciò che facciamo.

Abbiamo iniziato nel 2011 quando il nostro team iniziò a cercare poster con citazioni motivazionali per decorare una delle sedi della nostra startup. Dopo aver cercato in lungo e in largo poster che riflettessero l’atmosfera aziendale di un business innovativo, siamo rimasti a mani vuote.

Fu allora che nacque l’idea di creare poster motivazionali dedicati alle startup. Eravamo sicuri di non essere gli unici a volere un prodotto del genere e perciò decidemmo anche di venderli.

Abbiamo iniziato a stampare poster nel soggiorno del nostro fondatore. I clienti sono rimasti subito entusiasti sia dei nostri design sia della qualità dei prodotti, infatti presto l’attività ha cominciato a dare i suoi frutti.

Quello che era un business secondario è cresciuto considerevolmente e ci ha permesso di guadagnare stipendi decenti e persino di risparmiare oltre 265.000 $.

Per molto tempo abbiamo stampato poster in casa, adesso le cose sono cambiate, ma non la nostra idea e la nostra missione. Facciamo ancora del nostro meglio per motivare gli imprenditori e team in tutto il mondo con le nostre creazioni.

Al giorno d’oggi, offriamo nel nostro negozio non solo decorazioni da parete, ma anche altri prodotti come adesivi, tele, vestiti, quaderni e tanti altri articoli di stampa su richiesta.


Apri il tuo negozio online con Printful


La maggior parte sono realizzati su ordinazione con il print on demand e spediti in dropshipping utilizzando Printful, mentre altri prodotti, come le tazze colorate, vengono spediti da fornitori diversi e stoccati utilizzando il servizio di stoccaggio di Printful. Ciò significa che tutti i nostri ordini vengono gestiti da Printful senza che noi dobbiamo alzare un dito.

poster di Startup Vitamins con un uomo a fianco
Source: Startup Vitamins

Quanto fatturiamo in un mese?

Analizzerò solo un mese per rendere l’articolo più semplice. Ho scelto luglio 2021, in quanto è stato un mese normale per il nostro e-commerce sia in termini di entrate che di spese.

Il nostro obiettivo è avere un’attività che sia redditizia nel lungo periodo, non solo per un mese. 

Non c’è nessun problema se i guadagni sono minori in alcuni periodi, purché ti concentri sulla crescita a lungo termine e ti assicuri di recuperare eventuali perdite.

Entrate
Fatturato di vendita$5,676.50
Spese
Prodotti-$3,038.00
Commissioni del fornitore dei servizi di pagamento-$166.59
Software fiscale-$100.00
Abbonamento Shopify-$79.00
App di Shopify-$79.00
Abbonamento Mailchimp-$79.00
Commissioni bancarie-$10.00
Profitto$2,124.91

In totale, le nostre entrate mensili sono state di 5.676,50 $. Dopo aver detratto tutte le spese, ci rimane un profitto di 2.124,91 $.

Quali sono i costi?

Tutte le aziende devono considerare sempre due tipi di costi: variabili e fissi.

I costi variabili includono le spese di spedizione, le commissioni di gestione, i costi associati alla realizzazione di ciascun prodotto e così via. Questi dipendono dal volume delle vendite: aumentano e diminuiscono in maniera proporzionale.

I costi fissi sono quelli che non subiscono variazioni e il cui ammontare è indipendente dalle vendite. Molti di questi costi rimangono costanti nel corso del tempo e includono: l’affitto, i costi di stoccaggio, gli stipendi, le spese per il marketing e altro ancora.

Comprendere i costi è essenziale per massimizzare i profitti della tua azienda. Inoltre, conoscere questa distinzione ti aiuterà successivamente a capire quanto devi vendere per raggiungere il punto di pareggio o per realizzare un profitto.

I nostri costi variabili

Costi di produzione e dei prodotti: 3.038 $

I costi di produzione sono quelli che paghiamo a Printful per elaborare i nostri ordini su richiesta. Riteniamo che questo servizio abbia un buon rapporto qualità-prezzo in quanto elimina i grattacapi della produzione, del magazzino, dell’inventario, dell’imballaggio e della spedizione della merce che altrimenti dovremmo gestire da soli. Se gestisci un negozio online di print on demand, avrai sicuramente anche questa spesa.

Per calcolare gli utili attesi, avremo bisogno di conoscere i costi variabili di ciascuno dei nostri prodotti. Per trovarli, ho guardato nella Bacheca di Printful del nostro negozio.

T-shirt costo variabile

Qui puoi vedere la nostra t-shirt “Get Shit Done”. Il prezzo Printful (“Printful price”) è il costo variabile di questa t-shirt, mentre il prezzo al dettaglio (“Retail price”) è a quanto la vendiamo.

Commissioni dei servizi di pagamento: 166,59 $

Per ogni acquisto effettuato da un cliente sul tuo negozio, deve essere elaborato un pagamento. Sono disponibili diverse opzioni di elaborazione dei pagamenti, a seconda della piattaforma che utilizzi.

Il nostro shop è stato creato con Shopify, quindi utilizziamo i pagamenti Shopify e il pagamento rapido PayPal.

I pagamenti Shopify consentono ai nostri acquirenti di effettuare il checkout senza lasciare il nostro sito web, il che è fantastico perché non vogliamo che i clienti lascino il negozio a metà del processo di acquisto ed eventualmente abbandonino il carrello.

Le commissioni per pagamenti di Shopify dipendono dal piano. Usiamo quello da 79 $ al mese, quindi le nostre commissioni sono il 2,6% del valore di ogni ordine + 0,30 $ per ogni ordine. 

Usiamo anche il pagamento rapido con PayPal. Ci costa il 2,9% dell’importo della transazione più una commissione fissa di 0,30 $. Per noi ne vale la pena perché i nostri clienti lo usano spesso.

Fornire opzioni di pagamento che i tuoi clienti utilizzano e di cui si fidano è uno dei primi passi per generare più vendite.

Le commissioni di elaborazione dei pagamenti non saranno incluse nei calcoli di previsione dei profitti perché è difficile prevedere quanti clienti useranno ciascuna opzione. 

I nostri costi fissi

Commissioni bancarie: 10 $ al mese

Le commissioni bancarie sono inevitabili. Bisogna pur conservare i guadagni da qualche parte! Le commissioni dipenderanno dalla banca, quindi ti consigliamo di condurre un’attenta ricerca prima di prendere una decisione.

Software fiscale e contabile: 100 $ al mese

Paghiamo un software di gestione contabile per tenere sotto controllo più facilmente le nostre entrate, spese e tutto ciò che riguarda le tasse. Ti suggerisco di cercare una soluzione appropriata il prima possibile poiché non potrai farne a meno se vuoi gestire un’attività legittima.

Di tanto in tanto consultiamo anche degli specialisti fiscali e potresti averne bisogno anche tu. Se per esempio non sai come funzionano le tasse in Italia o se devi pagare la partita IVA o meno, ti consiglio di rivolgerti a un commercialista per evitare intoppi legali!

Abbonamento Shopify: 79 $ al mese

Ci sono molte piattaforme per creare negozi online. Ogni piattaforma offre funzionalità e costi diversi. Alcune che potresti considerare per il tuo negozio sono Etsy, Amazon o WordPress.

Abbiamo scelto Shopify per le opzioni di personalizzazione, le statistiche e l’interfaccia utente semplice ed intuitiva. Usiamo il piano da 79 $ principalmente perché include report aggiuntivi per l’analisi del carrello, grafici finanziari e informazioni sul comportamento dei clienti che altrimenti non troveremmo da nessun’altra parte.

Se 79 $ al mese è troppo per la tua attività o non hai bisogno di funzionalità aggiuntive, puoi optare per il piano di base e pagare di meno (29 $ al mese).

App di personalizzazione del negozio: 79 $ al mese

Utilizziamo diverse app per aggiungere funzionalità al nostro negozio Shopify. Molte sono gratuite, le uniche a pagamento sono Sufio (49 $ al mese) e Privy (30 $ al mese). Usiamo Sufio per inviare automaticamente le fatture ai nostri clienti e Privy per impostare pop-up e inviare email di abbandono del carrello. Tuttavia, per molte funzionalità, puoi trovare app gratuite, in modo da evitare questa spesa.

La maggior parte delle opzioni di personalizzazione che testiamo sono pop-up o altri tipi di banner.

Abbonamento Mailchimp: 79 $ al mese

Oltre a Privy, utilizziamo anche Mailchimp per inviare email ai nostri contatti. Preferiamo Privy per vari componenti sul sito e alcune email, come banner di iscrizione via e-mail, pop-up personalizzati e email di abbandono del carrello. Usiamo Mailchimp per newsletter, email promozionali ed email automatizzate come le email di registrazione e post-acquisto.

Le piattaforme di posta elettronica sono essenziali per i negozi online, non si può fare a meno di questa spesa. Ma potresti ridurla scegliendo di utilizzare un solo provider anziché due.

Pubblicità: 0 $

La maggior parte del traffico verso il nostro sito web è organico (proviene dalle ricerche su Google) grazie a un’ottima SEO. Abbiamo anche profili su più social media e una considerevole mailing list che genera traffico gratuito.

Gli annunci sono un buon modo per aumentare le vendite e abbiamo iniziato a sperimentarli di recente.

Se il tuo sito web non è ottimizzato o non hai una presenza sui social media abbastanza forte da generare traffico, potresti valutare l’idea di investire alcune delle tue risorse in pubblicità.

Come sfruttare queste informazioni?

Dopo aver esaminato costi e ricavi, puoi passare a una serie di calcoli aziendali. Per cominciare, ti mostrerò i due più importanti: il punto di pareggio e come realizzare una certa quantità di guadagno.

Questi calcoli ti forniranno un quadro più chiaro della tua situazione finanziaria, ti aiuteranno a comprendere meglio il flusso di cassa (o cash flow) e ti aiuteranno a stabilire aspettative realistiche per i tuoi profitti.

Li consideriamo ogni volta che pensiamo di modificare i prezzi dei prodotti, di aggiungerne di nuovi, di impostare sconti, ecc. 


Entra ora nel mondo dell’e-commerce


Trova il break-even point (o punto di pareggio)

Il nome dice tutto, è un punto di equilibrio in cui costi e ricavi coincidono, in cui non si registrano né profitti né perdite. Puoi calcolare i termini del punto di pareggio delle unità che devi vendere o delle entrate che devi generare.

Per trovare il tuo punto di pareggio, devi conoscere il prezzo di vendita dei tuoi prodotti, i tuoi costi variabili e fissi e, se vendi più di un prodotto, quanti ne vendi. Se gestisci la tua attività da un discreto periodo di tempo, sicuramente sai quante entrate sono generate da ciascun prodotto.

Punto di pareggio = costi fissi/margine di contribuzione

Come puoi vedere dalla formula, dobbiamo trovare il margine di contribuzione per calcolare il punto di pareggio. Il margine di contribuzione mostra quanto ricavo da ogni vendita va a coprire i costi fissi.

Margine di contribuzione = prezzo di vendita – costo variabile per articolo

Ad esempio, se vendi una t-shirt per 25 $ + circa 10 $ per spese di spedizione e tasse, si arriva a 35 $. La t-shirt ti costa 15 $. I costi variabili per ogni t-shirt sono 15 $ + 10 $.

Il margine di contribuzione sarebbe

  1. 35 $ – 15 $ (costo variabile del prodotto) – 10 $ (spedizione e tasse variabili) = 10 $ (margine di contribuzione)

Se hai più di un prodotto, dovresti calcolare il margine di contribuzione per ogni prodotto. Scoprirai che prodotti diversi hanno margini di contribuzione differenti. Puoi confrontarli e scoprire quali sono i prodotti più redditizi.

Concentra i tuoi sforzi sui prodotti che effettivamente apportano il massimo valore alla tua attività. Investi negli annunci per pubblicizzare quelli più redditizi e rendili ben visibili sul tuo negozio.

Una volta trovato il margine di contribuzione, puoi usarlo per calcolare il punto di pareggio. Per questo esempio, supponiamo che i tuoi costi fissi siano 300 $ al mese. Quante magliette dovresti vendere per andare in pari?

Ricorda la formula di prima (punti di pareggio = costi fissi/margine di contribuzione)

  1. 300 $ (costi fissi) / 10 $ (margine di contribuzione) = 30 magliette (punto di pareggio)

Ciò significa che dovresti vendere 30 t-shirt per andare in pari.

Puoi trovare le entrate necessarie per raggiungere il break even-point moltiplicando il prezzo di vendita per il numero di unità.

  1. 30 magliette × 35 $ per maglietta = 1.050 $

Dovresti vendere magliette per un valore di 1.050 $ per andare in pari.

Tuttavia, i calcoli del punto di pareggio non sono sempre accurati al 100% perché implicano alcune ipotesi. Se vendi più di un prodotto, devi presumere quanto delle entrate totali proviene da ciascun prodotto.

Se vendi magliette, felpe e cappelli, devi prevedere quanto delle entrate totali proviene da ciascun prodotto. Ad esempio, le magliette costituiranno il 50% delle tue entrate, le felpe il 30% e i cappelli il 20%.

Ecco come appare il calcolo del punto di pareggio per Startup Vitamins.

Calcolo del punto di pareggio Startup Vitamins file excel

A sinistra, ho inserito i nostri prodotti, il loro prezzo di vendita, il costo variabile per ogni prodotto e quale percentuale di entrate ricaveremo da ciascun prodotto. A destra inserisco i nostri costi fissi totali e il ricavo desiderato (inserire 0 per il punto di pareggio).

Vediamo che dobbiamo guadagnare 698,09 $ di fatturato per raggiungere il pareggio. Tuttavia, la percentuale di entrate che ciascun prodotto genera è una stima, il che significa che il punto di pareggio effettivo può variare.

E se volessi realizzare un profitto, non solo andare in pareggio?

Supponiamo che volessi invece guadagnare 500 $ vendendo la maglietta dell’esempio precedente. Per calcolare quante magliette dovresti vendere, aggiungi l’utile desiderato ai costi fissi ed esegui il resto dei calcoli come prima.

  1. (500 $ di profitto desiderato + 300 $ di costi fissi) / 10 $ (margine di contribuzione) =  80 magliette

Avresti bisogno di vendere 80 magliette per realizzare un profitto di 500 $, su un totale di entrate di 2.800 $ (80 magliette × 35 $ di prezzo di vendita).

Cosa fare con i tuoi profitti?

Ci sono tre cose principali che puoi fare con i tuoi profitti: reinvestirli nella tua attività, metterli da parte o usarli per te.

Noi preferiamo risparmiare e reinvestire la maggior parte dei nostri profitti nel nostro business. Questo ci permette di far fronte a spese o perdite impreviste.

Ecco come potresti reinvestirli nella tua attività:

  • pagare designer esperti per realizzare grafiche, modelli dei prodotti e mockup 
  • assumere programmatori di siti web per mettere a punto il tuo negozio in modo che i tuoi clienti abbiano una migliore esperienza di acquisto
  • potenziare il servizio clienti
  • investire in attrezzature come una fotocamera e oggetti di scena per realizzare servizi fotografici professionali e contenuti di alta qualità per il tuo negozio e i social
  • investire in materiale pubblicitario come video e immagini dei prodotti
  • ordinare campioni da utilizzare negli annunci e nel tuo negozio

Nel corso degli anni, abbiamo risparmiato più di 265.000 $ prelevando i ricavi solo quando necessario.

Tuttavia, non c’è niente di sbagliato nell’usare gli utili anche per te stesso, dopotutto sei tu che li guadagni. Puoi concederti il ​​lusso di prenderne quanti ne vuoi, ma ricorda che anche l’azienda ha bisogno di soldi.

Adesso hai tutto ciò che ti serve

Avere un’idea fantastica per un design o un prodotto non è abbastanza per creare un’attività redditizia. Dovrai calcolare le tue finanze se vuoi che il tuo negozio di print on demand cresca.

Non è necessario essere esperti di contabilità o di economia per gestire un business di successo, tuttavia conoscere le basi della teoria finanziaria è necessario.

Saper calcolare il punto di pareggio, comprendere i costi e prevedere i profitti sono solo alcune delle cose che dovrai imparare lungo il percorso, ma sono sufficienti per incamminarti verso la buona strada.

Adesso, non ti resta che iniziare a mettere in pratica quello che hai imparato!

Haralds is a Content Marketing Specialist currently working on his Bachelor’s degree in Business Administration with a focus on marketing. He’s become increasingly interested in copywriting, SEO, UX, advertising, and everything ecommerce-related while running the Startup Vitamins store.

Comments

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata



Torna a tutti gli articoli

Sei pronto a provare Printful?

Collegati a una piattaforma e-commerce o effettua un ordine

Inizia ora chevron-right